22539027_1785285474866893_7085230564913345852_o

A2M. CAVALLARO TORNA DA MALO CON DUE PUNTI SUDATI

A2M Malo – Pallamano Oderzo (p.t. 7  – 17)  Ris. Fin. 26 – 27

Malo: Agosti, Azzolin 7, Berengan 5, Coccimiglio 3, Picco 2, Crosara, Fontana 2, Grotto 5, Cabrini, Donnarumma 2, Peripolli, Rigon, Scolaro, Marchioro, Murino

Allenatore: Mario Murino

Pallamano Oderzo: Campo Dall’Orto, Giolo 2, Maccari, Parro, Paladin A. 6, Paladin M. 3, Mazzariol 5, Tonon 1, Marcuzzo M., Radovcic 5, Giacomazzi, Hadzimujic 5, Makosa, Milovanovic

Allenatori: Alessandro Cavallaro e Angelo Bufardeci

La Pallamano Oderzo ha ripreso il cammino in campionato dopo il turno di riposo inserito nell’ottava giornata e dopo aver duramente battagliato nell’ultimo incontro vinto sul fil di sirena con la veronese Vigasio.

Dopo il turno di riposo non è mai facile riprendere con il ritmo giusto e guardando la classifica l’impegno con il Malo sembrava facilmente alla portata.

Niente di più sbagliato se hai di fronte una squadra di giovani che fa della velocità il suo punto di forza.

L’incontro è stato quanto mai vivo ed entusiasmante.

L’Oderzo è stata la vera protagonista, ha annichilito la squadra di casa nei secondi 15 minuti del primo tempo.

Gli ha inflitto due secchi parziali di 5 a zero.

Si erano salutati sul 6-6 e si sono ritrovati 7-17 al suono dello scadere dei primi trenta minuti di gioco.

Nella ripresa si è seduta, impappinata, difronte alla freschezza del Malo dove ritroviamo il vero protagonista della risorta dei locali, il suo portiere, il giovanissimo Crosara che tra i pali si è fatto valere ma soprattutto ha dettato le pronte ripartenze e contropiedi dei compagni dove l’Oderzo si è fatto trovare impreparato.

Una ripresa contrassegnata da un parziale di 19 a 10 a favore del Malo che mette in mostra la sofferenza patita dagli ospiti nei secondi 30 minuti.

Dalla panchina coach Cavallaro ha ripreso a gran voce i suoi giocatori rei in qualche occasione di tremende ingenuità.

I vicentini riescono a riagguantare il risultato a tre minuti dal termine: 25-25.

120 secondi alla sirena da pathos estremo con il pubblico di casa galvanizzato dalla rimonta del Malo ma due reti provvidenziali messe a segno da Matteo Paladin e altrettante parate di Milovanovic, i due punti finiscono in saccoccia degli opitergini.

Consolidata la seconda posizione in classifica, un punto sotto al Vigasio che ha disputato una partita in più.

by Nicola Zoppa