23157336_1809487105780063_7751636047471479550_o

A2M. CONTRO IL VIGASIO SUL FILO DI LANA UNA VITTORIA DI CARATTERE

A2M Pallamano Oderzo – Vigasio (p.t. 10 – 11) Ris. Fin. 21 – 20

Pallamano Oderzo: Hadzimujic 3, Giolo 1, Ongaro 2, Mazzariol 4, Paladin A, 6. Karroby 1, Marcuzzo A., Tonon, Franceschini 1, Marcuzzo M., Vendrame, Parro 3, Segat, Makosa, Milovanonvic.
Allenatori: Alessandro Cavallaro e Angelo Bufardeci
7m. 5/2

Vigasio: Sparaco, Eddarkaoui, Lissandrini, Martini, Piletti 7, Scalfo 1, Signorini 6, Tomasi, Quiri 4, Zattarin, Ballardini 2, Carloni, Melegatti.
Allenatore: Admir Jasarevic
7m. 6/4

Arbitri: Prandi (BS), Ambrosetti (VA)

La Pallamano Oderzo fa rotta verso le finali nazionali.
Lo scoglio più impegnativo è stato superato.
Al PalaMasotti, missione compiuta, sconfitto il Vigasio, staccato a meno cinque e vetta blindata.
Era un Oderzo in emergenza, assenti Campo Dall’Orto, Matteo Paladin e Radovcic.
Tutti i giocatori hanno risposto all’appello dando in campo una grande prova corale.
Ci hanno creduto fino alla fine con i due under 16 (Parro e Karrobi) che hanno messo la firma alla rimonta e al successo.
E dire che gli opitergini nei primi 10 minuti hanno gettato via una grande occasione.
Hanno dominato in difesa ma in attacco hanno sbagliato l’impossibile e nonostante questo conducevano 4-3.
Poi la netta rimonta dei veronesi che hanno preso in mano la partita e mettendoci una buona dose di fisicità hanno condotto l’incontro.
Un’irruenza sul portatore di palla un po’ sopra il consentito ha messo non poco in difficoltà il gioco dell’Oderzo.
Mazzariol e Andrea Paladin braccati in qualsiasi zona del campo.
Di fronte ad un Vigasio arrembante, Oderzo riesce a ridurre lo svantaggio a una sola lunghezza sul finale del primo tempo nonostante avesse subito anche un -4.
Ripresa con in campo maggiore esperienza, i coach Bufardeci e Cavallaro giocano la carta Ongaro come pivot.
Concretizza due volte in rete si procura due rigori e creato spazi di l’inserimento per i terzini.
Il Vigasio spinge, commette numerosi falli e il peso dei due minuti di sospensione a questo punto si fa sentire.
Gli ultimi 10 minuti sono fatali agli ospiti.
La rimonta dell’Oderzo è qualcosa di entusiasmante.
Sotto 15-19 Milovanovic non fa passare più niente, e in attacco azioni costruite con pazienza vengono piano piano finalizzate.
Al 56° raggiunta la parità: 19 a 19.
Per la squadra al vertice, sono sufficienti i 180 secondi finali per dare la zampata vincente.
Mentre il Vigasio non fa che accumulare 2 minuti di sospensione Oderzo va in rete su rigore e a 20 secondi dal termine con la rete vincente di Karrobi.
A quattro giornate dal termine, la pallamano opitergina può rifiatare considerato il +3 sul Taufers e +5 sul Vigasio, inseguitrici che avranno lo scontro diretto nella penultima del campionato.
All’Oderzo ora è sufficiente stare a guardare.
by Nicola Zoppa