3b0e2a8e-451e-45db-96b0-d926dda711aa

U15M. FANTASTICA ESPERIENZA AL TORNEO DI TORRI

Per un neofita “torneo città di Torri” può sembrare un incontro fra squadre di pallamano ma in realtà andando in profondità è molto di più.

Quest’anno 40 squadre divise in 5 categorie d’età si sono affrontate in 6 palazzetti diversi tra il 26 e il 27 maggio.

Dodici squadre per la categoria U15 maschile si sono confrontate nei vari gironi: Pallamano Oderzo, US Torri A, US Torri B, MRK Zapresic, Pallamano Trieste, Cassano Magnago HC, Pallamano Pressano, Handaball Faenza 1983, CUS Venezia, Pallamano Cologne, Pallamano Camisano, Leoni Tortona.

I ragazzi della Pallamano Oderzo si sono dati appuntamento il sabato mattino alle 8.00, pronti per questa nuova avventura.
Qualcuno è ignaro di questa esperienza perché vi partecipa per la prima volta, qualche inevitabile defezione dovuta agli esami di licenza media, e finalmente Carletto, presente all’appello dopo un lungo infortunio e quindi da inserire con cautela.

I ragazzi hanno ben chiaro il girone e le squadre che andranno ad affrontare. Durante il viaggio si scambiano qualche dritta e così il morale cresce e si impenna quando a Lissaro incontrano alle 10.30 il Torri B. Pur mantenendo un risultato sempre in equilibrio, riescono a spuntarla di un punto per 14 a 13.

Intanto, per il pranzo, ci si reca a torri di Quartesolo, il quartier generale dove oltre a pranzare, si dorme uno fianco all’altro con i propri materassini e con le proprie abitudini notturne: c’è chi bisbiglia, chi russa… Anche questo fa squadra: lo sanno il coach  e un genitore che rimane con loro, come anche Davide e MarKo, qui presenti per seguire la squadra maschile e la femminile.

Il pranzo di domenica viene allietato dal compleanno di Gioia, under 15 presente al torneo. Coach Dal Molin ha previsto il gelato per l’occasione: questo momento dolce viene presto sostituito al palaLissaro da un sentimento triste-amaro visto l’esito della partita contro il Cassano 25 a 7, pur combattuta con grinta, ha subito evidenziato una certa disparità nella stazza e preparazione atletica …

E per finire la giornata contro i Leoni Tortona (Alessandria) non è andata tanto meglio e si è conclusa 23 a 7.

Il confronto ha risvegliato nei nostri ragazzi un sentimento di ammirazione misto a consapevolezza delle proprie potenzialità, che ancora non sono al top, ma che se nutrite e curate nel tempo potrebbero dare buoni esiti.

La cena a Torri è abbondante e non manca la festa al PalaVillanova, organizzata per i giovani, con giochi quali ping pong, tiro alla fune, tiro al bersaglio ecc… in attesa della giornata conclusiva.

Dopo una colazione abbondante si cambia palazzetto e ci si dirige a Camisano dove il mercato mette a dura prova i tom tom degli autisti. Arrivati, i nostri atleti vengono accolti dal MRK Zapresic che lascia spiazzato capitan Enrico con la consegna del proprio gagliardetto, gesto sportivo che viene apprezzato dai nostri ragazzi.

Non manca il tifo dagli spalti, sono arrivati anche gli altri genitori e i ragazzi se la giocano con onore e grinta inserendo qualche accorgimento visto nelle partite precedenti ma il portiere avversario è una ragnatela umana. Si conclude con 15 a 7.

Ora però bisogna portare a casa un risultato positivo. Ci provano subito dopo pranzo con entrambi i coach Dal Molin­-Giolo contro il Pressano (Trento)  che era reduce dalla partita persa ai rigori con il Camisano.

I ragazzi giocano con passione, riescono a procurarsi qualche oculato rigore e il portiere Evan dà il meglio di sé.  I Pivot fanno spazio, capitan Enrico, Marco ala sinistra e Alex non si risparmiano e la squadra cresce, punto a punto contro una delle migliori del torneo.

Sembra quasi un sogno ma il punteggio della vittoria del primo giorno si ribalta per gli opitergini e si conclude 13 a 14.

“Niente sacrificio, niente vittoria” è il motto che sentiremo ancora. A Torri ci hanno messo l’anima qualificandosi ottavi, la pallamano …ad Oderzo … crescerà!!!

by Giuseppe Dal Molin